LA SLA HA UCCISO I SUOI MUSCOLI,NON LA SUA PASSIONE PER TERNANA E NARNESE. AGATINO RUSSO CON IL LABIALE E L’ESPRESSIONE DEGLI OCCHI “RACCONTA” LE SUE EMOZIONI, LA LAUREA DI BARBARA…

• di Fabrizio Chiani

La famiglia e il suo amico “antico”Gianni Cardinali (nel 1974 rano ls coppia centrale in rossoblu) i suoi Angeli custodi.


La SLA la “malattia dei calciatori” ti fa pensare e Gianluca Signorini, Stefano Borgonovo , Adriano Lombardi, Marcello Neri,e….. Agatino Russo. Lui vicino a questi campioni? Si,perché Agatino è un fuoriclasse nella vita e anche in campo, per chi come me che lo ricorda –ero un ragazzino- con quel suo incedere in campo elegante, a testa alta e comandare la difesa insieme a Gianni Cardinali, suo inseparabile amico ieri come oggi, uno stopper l’altro libero di un calcio che non c’è piu’.


Stella è una bella donna e fortunata ad aver sposato il suo amatissimo Agatino e avuto in dono Eleonora, Federico, Marcello e Barbara, i suoi quattro figli. Agatino era un uomo bello, forte, un atleta vero; insieme a Stella e i suoi quattro figli si è goduto la Sua vita una sessantina di anni poi…poi un giorno qualcosa livello fisico non andava, è andato al pronto soccorso:ha esclamato “Sai Stella, -racconta lei-c’era un medico matto:mi ha detto che finirò presto su una sedia a rotelle…” . No, purtroppo, quel medico non era matto:dopo poco,altri controlli , la diagnosi, Agatino ha la SLA! Notizia devastante per lui e la sua splendida famiglia. “Abbiamo sofferto molto - dice Stella- ma poi,tutti insieme ci siamo rimboccati le maniche e siamo andati avanti,tutti insieme.. Non lo lasciamo mai solo, anche grazie agli amici soprattutto Ivano Santini, Carlo Angeletti e i volontari della C.R.I. che lo accompagnano allo stadio”. Ultimamente è andato raramente, il destino si è accanito su di lui:ha perso la primogenita Eleonora, un altro terribile colpo dal quale si sta riprendendo. Stella è una donna fortunata! Si, perché oggi pur segnata da un dolore atroce, può andare fiera del Suo uomo che lotta come un leone, oggi come ieri, e creato una famiglia straordinaria con dei figli meravigliosi. “Grazie a Carlo, - ci tiene a ricordare Stella- abbiamo portato questa estate Agatino alla cerimonia di laurea di Barbara:è stato così bello,emozionante!” Non piange, ha finito le lacrime da un pezzo Stella, al contrario. parlare di Agatino, Eleonora,Gianni …. gli si illuminano gli occhi! Può andare fiera della sua vita


1) Agatino,un ricordo dei tuoi anni nella Narnese
“QUANDO PENSO A QUEGLI ANNI, I RICORDI AFFOLLANO LA MIA MENTE, SOPRATTUTTO PERCHE’ DI TEMPO PER PENSARE NE HO, ANCHE TROPPO. RICORDO CON IMMENSO PIACERE TUTTI I MIEI COMPAGNI DI SQUADRA E I MIEI ALLENATORI: CORRADO PERLI CON IL QUALE AVEVO UN RAPPORTO SPECIALE,ROMANO SCIARRETTA E EDOARDO PROIETI. E POI QUEI DERBY CON L’ELETTRO, COMBATTUTI CON GENEROSTA’”
2) Fin quando le tue forze lo hanno consentito,sei venuto spesso al S.Girolamo, uno dei pochi ex. Perchè sei rimasto così attaccato ai colori rossoblu’?
“ I COLORI ROSSOBLU’ MI RICORDANO LA MIA GIOVINEZZA, GLI ANNI PIU’ BELLI DELLA MIA VITA, LI’CON LA NARNESE HO AVUTO MOLTE SODDISFAZIONI, A NARNI HO CONOSCIUTO PERSONE SPECIALI E VERE:SALVATORE SOFFERENTI,MASSIMO CARIGNANI, GIANNI CARDINALI CHE ANCORA OGGI MI E’VICINO,NON MI ABBANDONA MAI. MI ACCOMPAGN ALLA PARTITA E MI REGALA LA SUA VISITA OGNI MERCOLEDI’:MI LEGGE I GIORNALI, MI RACCONTA I FATTI DELLA SETTIMANA E MI PORTA I SALUTI DEI MIE CONOSCENTI CHE INCONTRA. GIANNI E’ IL MIGLIOR AMICO CHE SI POSSA DESIDERARE ED IO CE L’HO. CON LA NARNESE HANNO MILITATO ANCHE I MIEI FIGLI MASCHI, FEDERICO E MARCELLO”
3) La Narnese ma anche Ternana,i tuoi amori calcistici.
“PER UN TERNANO,MILITARE INDOSSARE IL ROSSOVERDE E’ UN GRANDE ONORE, PER ME E’ STATO DOPPIO PER AVERCI VISTO GIOCARE MIO FIGLIO FEDERICO. OGNI TANTO VENGONO A TROVARMI DIVERSI ROSSOVERDI ATTUALI E LA DOTTORESSA MANINI. DELLA NARNESE HO GIA’ DETTO ED E’ IN UN POSTO SPECIALE DEL MIO CUORE..ANCHE A NARNI NON MI HANNO DIMENTICATO. GRAZIE!
4) Un giocatore di oggi in cui ti rivedi.
“NON SORRIDETE (ride lui N.D.R) MI RIVEDO IN GIORGIO CHIELLINI , E NON FATE FECCE STRANE! -DICE SCHERZOSAMENTE SERIO-POCA TECNICA, TANTA GENEROSITA’ E FORZA FISICA:PALLA O PIEDE ….SPESSO PIEDE AHHHAHHA”
5) Un rimpianto da ex giocatore?
“ERA IL 1969,LA TERNANA MI PROPOSE UN ANNO DI PRESTITO IN SERIE C A OLBIA. ERO GIOVANE,MI SPAVENTAVA LA DISTANZA DA CASA:CHE ERRORE FECI!!”
6) Un saluto ai tanti tuoi amici narnesi.
“DI AMICI A NARNI NE HO TANTI,SPESSO MI MANDANO IN SALUTI DA MARCELLO,LI HO NEL CUORE. LI SALUTO CON AFFETTO E SEMPRE:FORZA NARNESE! SE POI VOLESSERO VENIRE A TROVARMI SAREBBERO I BENVENUTI E MI RENDEREBBERO FELICE”
7) Ti consideri un uomo sfortunato o fortunato?
“ENTRAMBE LE COSE. SONO STATO COLPITO DA UNA MALATTIA BASTARDA CON LA QUALE CONVIVO DA 10 ANNI, UNA MALATTIA CHE SCONVOLGE LA VITA A TE E A TUTTA LA FAMIGLIA,I CONOSCENTI, NON SAI COSA E COME FARE. E’ DURA ACCETTARE. SE NON BASTASSE HO AVUTO UN DOLORE ANCOR PIU’ GRAVE, LA PERDIDA DI ELEONORA, LA MIA FIGLIA PIU’ GRANDE: MI SONO PIU’VOLTE CHIESTO:PERCHE’ PROPRIO A ME? MA MI REPUTO FORTUNATO PERCHE’ HO UNA FAMIGLIA MERAVIGLIOSA,CHE MI ACCUDISCE CON AMORE E PAZIENZA, CHE CERCA DI RIEMPIRMI LA GIORNATA, A RENDERE LA MIA VITA SERENA E QUASI NORMALE. SENZA STELLA,ELEONORA (FINCHE’ NON ME L’HANNO PORTATA VIA), FEDERICO E MARCELLO NON CE L’AVREI MAI FATTA”
Grazie Agatino, grazie Stella per averci dato una lezione di vita struggente e grazie Ivano,Gianni,Carlo, per il Vostro esempio: la Vostra è amicizia con la A maiuscola. E ancora Grazie alla signora Stella e a Marcello per avermi aiutato a dare la parola ad Agatino:vero numero 5 rossoblu’ per sempre.


*Ufficio Stampa