ROCCHI:SOGNARE SI PUO'

Narni- Parlare di fine stagione nero per la Narnese e Narni è un eufemismo ,parliamo piuttosto di periodo tragico che ha visto l’addio a stretto giro dello storico magazziniere Franco Straminelli, il capo-tifoso valeriano Galeotti e il co-presidente Moreno Gubbiotti. La voglia di volare pagina, senza dimenticare, è tanta. Proviamo a farlo,presentando Roberto Rocchi,il colpo dei colpi del D.Gianluca Gambini:parlaci di te,della tua carriera. Rimpianti? Obiettivi. “Credo non sia opportuno parlare di " carriera", questo é un termine che penso sia più appropriato ad altre categorie ed altri calciatori.. piuttosto ho avuto la fortuna di fare esperienze importanti sia positive che negative che hanno arricchito il mio bagaglio e dalle quali ho saputo elaborare nel tempo i migliori insegnamenti, per questo non ho rimpianti, anche se alcune delusioni ovviamente hanno lasciato segni più evidenti di altre, come la finale di Coppa Italia sfiorata lo scorso anno... in questi anni dalle serie C di Martina Franca e Borgo a Buggiano, dalle serie D con Sporting Terni, Villabiagio e S.P.A.L. ai campi di eccellenza umbri ho cercato sempre di sudare la maglia e dare il massimo mettendo la squadra al primo posto indifferentemente da colori e categoria, per questo il mio obbiettivo personale é quello di poter essere apprezzato e valorizzato prima come persona e poi come calciatore... in un ambiente, quello calcistico, che giudica in maniera frettolosa solo risultati e statistiche, sarebbe importante ricominciare a credere in qualcosa di vero e genuino”. Eri sui “radar” narnesi da anni, quest’anno il primo obiettivo. “Mi sento lusingato da tutta quest considerazione e attenzione da parte della Narnese, la societá mi ha fatto sentire un giocatore importante e fortemente voluto da parte di tutto l'ambiente e questo ha fatto la differenza”.Contento della scelta?Cosa ti aspetti? “Sono molto felice di aver fatto questa scelta, spero di guadagnare sul campo il rispetto dei compagni e di tutti i tifosi, mi aspetto una stagione ricca di grandi soddisfazioni collettive”.
Dal di fuori, cosa ti fa pensare la Narnese? ”.Da sempre penso alla Narnese come una squadra speciale, dove il calcio viene trattato con grande rispetto e grande professionalità, una società con una storia importante ed una tifoseria che ha bisogno di ricominciare a sognare” . Alternativo a Quondam, o giocherete insieme? “Queste sono decisioni che spettano al mister e sia io che tutti i miei compagni ci metteremo a sua completa disposizione, la rosa é composta da attaccanti diversi con caratteristiche complementari che sapremo sfruttare a dovere”. Che campionato sarà e quale il ruolo della Narnese? “Quest'anno sará un campionato molto difficile con piazze stimolanti e con squadre ambiziose molto ben attrezzate, per questo l'obbiettivo é quello di raggiungere la salvezza, e valorizzare il piu possibile i giovani che compongono questa rosa e che rappresentano una grande risorsa... inoltre, nell'ultimo periodo, purtroppo, la societá ha perso persone dalle qualità insostituibili e abbiamo l'obbligo e il dovere morale di onorare la loro memoria con impegno e sacrificio”. E con i gol, sulla carta, “garantiti” da Paolo Quondam,Roberto Rocchi e “l’ultimo “Giulio Chiani 40 gol sembrano garantiti. Sognare è gratis!

Ufficio Stampa ASD Narnese