IL PAGELLONE DEL GIRONE DI ANDATA.
“Ponti un gigante, Quondam fa 100,Chiani il cuore della squadra”.Il voto più alto però va a Mister Sabatini e alla società

Alla fine del girone di andata si possono tracciare i bilanci anche dei singoli protagonisti:Abbiamo stilato un sorta di “pagellone” a otto mani con il contributo dei giornalisti che seguono abitualmente la Narnese al San Girolamo. Hanno offerto la loro collaborazione: Riccardo Tommasi (www.calcioternano.it), Luca Pelusi (La Nazione),Riccardo Costantini (www.cronache24.it)e Fabrizio Chiani (Corriere dell Umbria).

Pasquale CUNZI. La stagione scorsa,entrò in forma dopo un mesetto,quest anno subito. 2/3 errori grossi quanto casuali. Per il resto tante parate determinanti. “Miglior rossoblù” del mese di settembre, dell intero campionato per tutto il girone:ha davanti a se in difesa un 2000,un 1998 e un 1997. Una sicurezza a tutto il reparto. 15 presenze su 15, 1 ammonizione. Voto 8 (F.C.)
Luca PONTI. Un gigante nonostante sia un 1997,gioca con la maturità di un veterano. Doveva sostituire un “mammasantissima” coma Brozzetti: non ha tremato! Con Angeluzzi (1992) forma una coppia che è il presente e il futuro della Narnese. Ben 14 presenze su 15 con una sola ammonizione, un record per un centrale di difesa“Miglior rossoblù”del mese di dicembre. . Voto 9 (F.C.)
Emanuele TANCINI. Diciannove anni, alla sua terza stagione da titolare, a destra, sinistra o al centro gioca sempre da veterano e:non sbaglia un colpo! 14 presenze su 15:un pilastro. Meriterebbe il gol. Voto 8,5 (F.C.)
Matteo SILVERI. Una misteriosa frattura ( da stress) ad un piede, gli ha fatto saltare l intera preparazione le due prime partite di campionato, ma Capitan “Duracell” (oltre 300 partite in rossoblu) è carico per il ritorno. Comunque la sua presenza, in mezzo al campo, si è sentita eccome. 13 presenze e 3 ammonizioni. Voto 7 (F.C.).
Edoardo PROIETTI. Uno dei giovani più interessanti della rosa, indiscutibilmente una delle colonne portanti del centrocampo rossoblù che in questa stagione sta avendo la completa consacrazione dopo che nella scorsa si accendeva a intermittenza. Maturato a livello fisico e psicologico. Solo per colpa di un piccolo infortunio è stato fuori per una gara, altrimenti sempre presente con prestazioni all’altezza condite anche da due gol. 14 presenze su 15, 1 ammonizione. Voto 8 (R.C.)
Francesco BELLINI. E’ il secondo miglior realizzatore dopo l’indiscusso “Paolone” Quondam con 4 gol. Come biglietto da visita potrebbe bastare ma oltre ad essere un ottimo attaccante è anche un grande lottatore e si sacrifica per il bene della squadra ripiegando molte volte in difesa quando c’è da difendere il risultato. Da ricordare la doppietta a Pontevalleceppi alla decima giornata che ha consentito ai rossoblu di portare via un punto prezioso. Si prospetta un futuro roseo. 12 presenze e 0 ammonizioni. Voto 8 (R.C.)
Sidouna IBRA. Altro prodotto del settore giovanile promosso stabilmente quest’anno in prima squadra. Partito in pompa magna ad inizio stagione, utilizzato stabilmente da mister Sabatini, si perde un po’ nella seconda metà del girone di andata. Jolly comunque fondamentale per lo scacchiere rossoblu in grado di ubriacare le difese avversarie. 13 presenze e 0 ammonizioni.
Voto 7 (R.C.)
Matteo SABATINI. Anche lui promosso in prima squadra, figlio di mister Marco, entrato in punta di piedi nello spogliatoio, con il passare delle settimane, si è ritagliato un posto importante in squadra conquistando un posto da titolare come esterno di attacco, svolto in modo egregio considerando il sacrificio che richiede quel ruolo, ovvero saper offendere ma allo stesso tempo anche difendere. Lottatore, meriterebbe il gol. 13 presenze e 2 ammonizioni. Voto 7.5 (R.C.)
Federico CONSOLINI. Utilizzato ovviamente poco,vista la “concorrenza”,da mister Sabatini, l’ex difensore dell’Olympia Thyrus,ha avuto pazienza e si è fatto valere nelle occasioni in cui è stato chiamato in causa, soprattutto nella roboante vittoria di Petrignano. Grande senso della posizione e lottatore fino al 90’. 6 presenze e 0 ammonizioni. Voto 7 (R.C.)
Matteo ANGELUZZI--Non tradisce mai, “Miglior rossoblù” del mese di novembre, le aspettative,fa parte della vecchia guardia,ormai è un baluardo insormontabile della difesa,con lui in campo tutto il reparto ne giova. Gigante Voto 7.5. (L.P.)
Nicolò’ VALENTINI –-Il voto e’ solo sufficiente perche’ ha avuto poche occasioni nel girone di andata di mettersi in mostra per colpa di un infortunio,quando ha potuto farlo non ha pero’ demeritato anche se avrebbe bisogno di continuità. Voto 6 (L.P.).
Niccolò’ GRIFONI. Nasce come centrocampista e lo fa sempre bene,propositivo non disdegna il tiro a rete, il mister qualche volta pero’ lo mette anche in un ruolo non propriamente suo (terzino o ala) ma lo fa sempre egregiamente. Voto 6.5 (L.P).
Paolo QUONDAM .E’ il terminale offensivo più importante della squadra, anzi in realtà rappresenta l’intero reparto avanzato rossoblù. L’inizio di stagione è stato tormentato da un infortunio, ma dal suo ritorno sono arrivate già cinque reti in dodici presenze. La ciliegina sulla torta l’ha messa con il rigore segnato contro il Lama: centesimo gol in carriera ed i più importanti e numerosi, tra questi sono arrivati tutti con la maglia della Narnese. Voto 8 (R.T.)
Giulio CHIANI- .Il cuore della Narnese è lui. Gioca dovunque in campo e l’abbiamo visto fare il mediano, il trequartista, l’esterno offensivo ed anche la prima punta. Una polivalenza eccezionale coronata sempre con prestazioni di alto livello. Sempre presente nelle quindici gare fin qui disputate, Giulio ha anche timbrato il cartellino tre volte. “Miglior rossoblù” a settembre e novembre Voto 8.5 (R.T.)
Vincenzo CAVALLARO In questo girone di andata ha giocato solo una volta titolare, per la precisione a Spoleto dove oltretutto ha iniziato come centrocampista. Viene sempre gettato nella mischia però, in quanto la sua esperienza nei finali di gara risulta spesso determinante. Uomo-spogliatoio. Voto 7 (R.T.)
Lorenzo COLARIETI. Una delle più belle sorprese della prima metà di stagione è senza dubbio quella di Colarieti. Il terzino è sceso in campo 15 volte su 15 ed in 14 di queste occasioni ha giocato l’intera gara. Ha vissuto anche la gioia del primo gol con la Narnese e la prodezza di Petrignano potrebbe essere vista e rivista senza stancare mai. “Miglior rossoblù” di ottobre .Voto 7.5 (R.T.)
Federico FENICI– Nella prima parte del girone di andata sembrava fare sfracelli, poi causa anche un piccolo problema fisico, ha dovuto stare lontano dal campo di calcio, così ha perso un po’ di smalto iniziale, sta però recuperando .Voto 6.5. (L.P.).
Lorenzo Lugenti.Leonardo Piras.Thomas Petrini :S.V.
Lorenzo Perotti,G.C.Moricciani,Simone Lucidi, Filippo Mecarelli, Edoardo Brunotti,Valentini Bonanni :trasferiti

MISTER SABATINI -STAFF.Tra i principali artefici del progetto Narnese c’è il nostro mister Marco ogni domenica imbastisce una squadra organizzata e tenace nonostante la giovanissima età media dell’organico. Non ha mai paura ad inserire in campo i ragazzi del vivaio e la crescita negli anni di molti di loro è dovuta anche al suo coraggio. Che si vinca o che si perda mantiene nel dopo una gara una lucidità ed una onestà intellettuale che tanti professionisti si sognano. Voto 9 (R.T.)
SOCIETA. Dal 1926 nella massima categoria regionale,senza fallimenti o ritiri (a parte nel 41, quando era stata promossa in C ma ci fu la Grande Guerra).Una ventina di anni in serie D con tre promozioni in C2 sfiorate. Da una decina di anni l’attuale coppia Garofoli-Gubbiotti si è regalata due promozioni in D e una Coppa Italia e,soprattutto una “vita” serena, in un periodo che ha visto sparire piazza importanti tipo Deruta……Quindi è logico un voto alto,certo,il tifoso,giustamente dal suo punto di vista, vorrebbe il nome e vincere i campionati…. Ma il suo,quello della serietà,questa società lo vince ogni anno. Anche questo. Voto 9 (F.C.)
SOCIETA’ –GESTIONE ANNO IN CORSO-- Guidata dai presidente Garofoli e Gubbiotti , gestita con acume senza fare proclami ma soprattutto senza spendere dato il periodo di vacche magre nella nostra regione. L’Ordine quindi impartito dalla societa’ al ds. Gambini è quello di pescare dai giovani il meglio che si riesce a trovare sul mercato umbro. Fino ad adesso lavoro ben fatto. Voto 7 (L.P.)